Sign in / Join

Chiude la storica fabbrica del cioccolato, operai in mezzo a una strada

La fabbrica di cioccolato conosciuta in tutto il mondo, il brand che generazioni di italiani hanno conosciuto e apprezzato chiude a doppia mandata.

In Italia verrà mantenuta solo la rete marketing volta a sostenere la vendita, tuttavia, dei prodotti fatti in Turchia.

Un altro pezzo storico manifatturiero e artigianale va via.  A desso cento persone rischiano di perdere il posto di lavoro a causa della delocalizzazione della Pernigotti che già nel 2013 fu acquistata dal gruppo turco Toksoz.

L’Italia continua a strizzare, così, l’occhiolino all’estero smembrando parte del proprio made in Italy a discapito di intere famiglie che dovranno fare i conti con i licenziamenti.

Se il governo si auspica che procederà con un piano adeguato di ammortizzatori sociali per i tanti dipendenti resta il dramma che un altro pezzo produttivo industriale è spazzato via.

I piani industriali non dovrebbero guardare solo ai bilanci aziendali, ma preservare la dignità dei lavoratori.

In allarme Rocchino Muliere, sindaco di Novi Ligure (Alessandria), dove è impiantata la fabbrica: "La Pernigotti è patrimonio di Novi e dei novesi, oltre che un grande nome conosciuto che non può finire così”.