Sign in / Join

Testata giornalistica - Registrazione Tribunale di Napoli 19/2017

Chi è Pedro Sanchez e perchè ha accolto la nave Aquarius

di Francesco Petronella

"Credo che Sanchez abbia fatto un calcolo sia politico che umanitario". Così risponde Lucio Caracciolo, direttore della rivista di geopolitica Limes, alla domanda fattagli da Lilli Gruber a proposito della decisione spagnola di accogliere a Valencia la nave Aquarius.

"Ha salvato quasi 650 vite umane - continua Caracciolo - e credo che questo potrebbe dare un certo sollievo alla sua coscienza. Ma credo anche lo abbia fatto per ragioni di politica interna, cioè per il fatto che lui ha inaugurato un nuovo governo che si 'sposta a sinistra' per differenziarsi dal precedente, ma di certo non può farlo prendendo tutte le navi che vengono dalla Libia".

In effetti non è da escludere che, come spesso accade, un dossier di politica estera come l'accoglienza di Aquarius risponda anche ad esigenze di politica interna. Il governo del socialista Sanchez, esecutivo di minoranza insediatosi dopo la sfiducia a Mariano Rajoy, non avrà un'esistenza facile. In Spagna la questione migranti avrebbe tutti i numeri per essere gestita e narrata con la stessa preoccupazione che si vive in Italia, ma non è così. Anche la Spagna, come il precedente governo italiano con la Libia, ha intavolato accordi con i paesi rivieraschi -leggasi Marocco -per contenere i flussi migratori. Degno di nota il fatto che lo stato iberico e la monarchia nordafricana condividono un confine terrestre tramite l'enclave di Ceuta e Melilla, in pieno territorio africano. In questo settore non sono mancano scontri tra polizia frontaliera e migranti che cercano periodicamente di forzare il confine.

Ciononostante, la popolazione straniera in Spagna è aumentata in modo costante negli ultimi anni, con ampi contributi dall'America Latina. Solo nel primo semestre 2017 sono stati 237.115 gli stranieri giunti in Spagna, a fronte dei 184.189 che hanno lasciato il Paese iberico, con un saldo attivo di 52.926 persone.

Questa situazione, però, non ha prodotto gli effetti che si sono visti in quasi tutti gli altri paesi europei, cioè un aumento di consensi per i partiti che propongono severe politiche anti-immigrazione e una chiusura dell’opinione pubblica nei confronti dei migranti. In Spagna non esistono grandi partiti con tendenze xenofobe e le associazioni per i diritti dei migranti sono molto forti e hanno molto spazio sui media. Le misure messe in campo da diversi governi per gestire i flussi di popolazione straniera sembrano bastare al popolo spagnolo. Al contrario, c'è anche chi spinge per una politica di accoglienza ancora più marcata. E' sufficiente ricordare le migliaia di persone scese in piazza a Barcellona a febbraio scorso al grido di "vogliamo accogliere".

Sanchez è consapevole di tutto questo e non può assolutamente essere da meno rispetto alla politica locale, specialmente nell'ottica di una forza politica socialista. Accogliere la nave Aquarius è un manifesto per il futuro come lo intende Madrid. D'altronde, molti esponenti dell'opposizione italiana hanno osservato che l'apertura verso Aquarius, in realtà, non poteva venire da altri attori.

Potrebbe interessarti


Leggi anche