Caso Cucchi: la procura di Roma chiede il processo per otto carabinieri

Dopo 9 anni finamente lami di luce di verità sulla morte di Stefano Cucchi. La procura di Roma ha chiesto il processo per otto carabinieri.

Agli otto militari, incluso il generale Casarsa, coinvolti nell'inchiesta sui depistaggi sono contestati, a vario titolo, i reati di falso ideologico, omessa denuncia, favoreggiamento e calunnia.

Stefano Cucchi, il geometra di 32 anni. morì il 22 ottobre del 2009 all'ospedale Sandro Pertini. Il giovane fu fermato per detenzione di stupefacenti.

Le accuse, formulate dal pm Giovanni Musarò e dal procuratore Giuseppe Pignatone, fanno riferimento anzitutto a quelle condotte che portarono a modificare le due annotazioni di servizio, redatte all'indomani della morte di Cucchi e relative allo stato di salute del ragazzo quando, la notte tra il 15 e 16 ottobre 2009, a pestaggio avvenuto, venne portato alla caserma di Tor Sapienza.

La sorella del giovane, Ilaria Cucchi che in questi anni ha combattuto stenuamente e con grande grinta ha commentato: "Sarò felice di avere l'Arma al mio fianco".

di P.P.M.