Sign in / Join

Testata giornalistica - Registrazione Tribunale di Napoli 19/2017

Caos in Regione Campania tra cambi di casacca, addii e delusioni elettorali. Come cambia l’assetto

di pasquale napolitano

Passato il ciclone grillino, in Regione Campania si fanno i conti con nuovi assetti. Cambi di casacca, trombati e delusioni: il Consiglio regionale riapre, dopo la sosta elettorale, con un quadro profondamente cambiato. In casa Pd c’è da ratificare la sostituzione tra Lello Topo, presidente della commissione Sanità ed eletto alla Camera dei Deputati, e Francesco Chianese primo dei non eletti in Consiglio regionale. Chianese è un fedelissimo del governatore Vincenzo De Luca ma anche di Michele Rostan, rieletta in Leu. E dunque il suo ingresso in assemblea regionale andrà ad indebolire l’area di Topo e Casillo. Nel centrodestra c’è da risolvere il nodo Udc-Noi con l’Italia: Carmine Mocerino dovrà lasciare il gruppo Caldoro presidente per formalizzare la nascita di Noi con l’Italia. Con chi? Sicuramente con Alberico Gambino che ha mollato Fratelli di Italia e si è accasato con i centristi. C’è poi Michele Schiano, che ha strappato una candidatura con il centrodestra e ora dovrebbe lasciare la maggioranza di De Luca. Confluendo nel gruppo Noi con l’Italia. I due consiglieri Udc, Maurizio Petracca e Maria Ricchiuti dovranno decidere se restare nell’Udc, passando all’opposizione, o approdare al gruppo misto confermando l’appoggio al presidente De Luca. Altro caso è quello di Luciano Passariello, consigliere regionale di Fdi, che dopo l’addio di Gambino rischia di perdere il gruppo. Cosa farà Passariello? E anche Pasquale Sommese è ormai senza un partito, dopo il naufragio elettorale dei centristi. Cosa farà Sommese? Forza Italia, Noi con l’Italia o gruppo misto? Per ora, un mistero.