Bruciata l'auto di una volontaria di Libera: "Siamo in tanti e nom ci fermeremo"

 "Siamo in tanti e nom ci fermeremo". Chiara Natoli, volontaria, attivista di Libera a Palermo reagisce con forza all'attentato che ha visto ignoti cospargere benzina sulla sua auto e distruggerla.

L'automobile di Natoli è andata distrutta nel cuore di Borgo Vecchio a Palermo.

Un messaggio forse diretto proprio all'associazione Libera e al suo presidente don Luigi Ciotti a pochi giorni dalla grande marcia contro le mafie del 21 marzo.

"La paura si sconfigge essendo in tanti - spiega - Non ho mai ricevuto minacce".

"Rispetto a questo accadimento - dice la giovane -ci  siamo allertati e saremo in tanti nella risposta".

"Ho ricevuto la solidarietà delle Istituzioni e di Libera, prosegue Chiara Natoli, e ha ragione Don Ciotti, siamo molti di più. La paura - conclude Chiara - si sconfigge così, essendo in tanti".

di P.P.M.