Sign in / Join

Testata giornalistica - Registrazione Tribunale di Napoli 19/2017

Belgio in ansia: dopo gli arresti si temono nuovi attentati

All'indomani degli arresti effettuati a Bruxelles e nel Nord della Francia, il Belgio è ancora alla caccia di terroristi. Lo ha riferito oggi la Procura federale belga. "Ricerchiamo ancor diversi sospetti di terrorismo. Temiamo che si sentano con le spalle al muro. Temiamo  la stessa reazione del 22 marzo 2016, quando dei kamikaze hanno messo in atto un duplice attacco a Bruxelles, uccidendo 32 persone all'aeroporto e nella metropolitana della capitale belga, dopo la scoperta da parte della polizia di un loro nascondiglio.

Ieri sono stati effettuati degli arresti durante una serie di perquisizioni compiute  a Bruxelles, nella zona di Anderlecht, legate al gruppo di motociclisti 'Kamikaze Riders' vicini al jihadismo. Sono inoltre stati ritrovati anche detonatori e diverse uniformi di agenti. Lo comunica la Procura federale. I due arrestati sono i belgi Akim S. e Khalid S., e si tratterebbe, secondo la stampa belga, di due fratelli di Said Saouti, arrestato nel dicembre 2015 per terrorismo (per paura di un attentato vennero annullate le celebrazioni di Capodanno a Bruxelles) e leader dei 'Kamikaze Riders'. I ritrovamenti sono stati effettuati in un box auto.