Sign in / Join

Amici, vacanze insieme ed ex colleghi: Di Battista non rompe il silenzio per difendere la Sarti

 

Alessandro Di Battista non rompe il silenzio nemmeno per difendere, o dare la solidarietà, all’amica, prima che collega per cinque anni in Parlamento, Giulia Sarti. Al netto, delle responsabilità politiche, l’ex presidente della commissione Giustizia messa nella pubblica piazza dopo la diffusione wp di alcune foto hard, ha ricevuto solidarietà e parole di sostegno da parte di tutti. Dalla Meloni ai parlamentari dei Cinque stelle. All’appello manca solo il Dibba. Eppure, i due avevano un rapporto molto schietto e stretto. Tanto che nell’agosto 2016, Chi becca Di Battista e Sarti in spiaggia al Lido Savio di Ravenna: in rete ci sono ancora foto. La Sarti è infatti di origini bolognese. E poi l’ex presidente della commissione Giustizia era considerata una fedelissima del Dibba. Amica, collega e fedelissima: ma nessuna parola di solidarietà. Il che Guevara grillino avrà in questo momento altri grilli per la testa. Come ha ribadito ai giornalista di Agorà che l’hanno intercettato: Ho questioni mie, rispettate il mio silenzio”. Ed infatti il silenzio del Dibba dura dal 13 febbraio: ultima intervista da Floris, prima del tracollo elettorale del M5S in Abruzzo e Sardegna. Di Battista si è eclissato. Sparito dai radar politici. Tempi duri per il Movimento: dopo la fuga del Dibba, il 26 febbraio, appena 13 giorni dopo, esplode il caso Sarti: la deputata si dimette dalla presidenza della commissione Giustizia della Camera dopo procura di Rimini ha archiviato la querela presentata dalla deputata grillina all’ex fidanzato, che lei stessa aveva accusato per i mancati rimborsi delle indennità parlamentari). Una storia con tanti punti ancora poco chiari.

LEGGI ANCHE