Al via le primarie del Pd, finalmente un segretario. Renzi: "Chiunque vinca non tema guerriglia"

Al via le primarie del Pd, finalmente un segretario. Renzi: "Chiunque vinca non tema guerriglia"

Si aprono le urna e il Partito Democratico tornerà con una leadership chiara e forte. E l'ex premier nella sua e-news scrive: "Auguri ai tre candidati: Martina, Zingaretti, Giachetti. Mi fa piacere che tutti e tre abbiano escluso accordi con i Cinque Stelle e ritorni al passato. Chiunque vinca non dovrà temere da parte mia alcuna guerriglia come quella che io ho subito".

Oggi  in oltre 7mila seggi tra gazebo e circoli sparsi in tutta Italia, si deciderà il futuro del Pd.

"Alcuni media - scrive ancora Renzi - dicono che si deve andare a votare 'contro Renzi'. Io penso che sia il riflesso condizionato di chi a sinistra combatte da sempre il Matteo sbagliato. Le primarie del Pd sono per l'Italia; al massimo sono contro Salvini e Di Maio. Ok, anche se votasse meno gente dell'altra volta non significa nulla: il Pd è l'unica forza politica che si affida alla democrazia, altro che piattaforma Rousseau. Grazie ai volontari dei gazebo!!".

di P.P.M.